IL RAPPORTO 2020 DELL’OCSE SULLA SALUTE IN EUROPA ALL’EPOCA DEL COVID

Il nuovo rapporto 2020 dell’OCSE si occupa naturalmente della risposta dei vari paesi alla pandemia, ma si sofferma anche sul problema degli anziani.

Sebbene il COVID-19 abbia causato la morte di molte persone di tutte le età, le persone con comorbidità (ad esempio obesità, malattie cardiovascolari) e in particolare le popolazioni più anziane devono affrontare una elevato rischio di morte per COVID-19.

Tra 22 paesi europei con dati disponibili per età gruppo, i decessi segnalati da COVID-19 per milione di persone di età pari o superiore a 60/65 anni sono stati in media 3,7 volte maggiore rispetto alla popolazione nel suo complesso.

In quasi tutti questi paesi, il 90% o più i decessi segnalati per COVID-19 sono stati tra persone di età pari o superiore a 60/65 anni; con persone di età pari o superiore a 80 anni rappresenta circa la metà di tutti i decessi per COVID-19.

Il Regno Unito, l’Italia, la Spagna e la Francia hanno riportato più di 17.000 decessi dai 60 anni in su (da metà settembre).

I tassi di mortalità tra le persone di età pari o superiore a 60/65 anni sono stati pari a più di 3 000 decessi per milione di persone in questa fascia di età nel Regno Unito (Inghilterra e Galles) e in Belgio e oltre 1 000 decessi per milione di persone in Irlanda, Svezia, Italia, Spagna, Francia e Paesi Bassi (figura 1.17).

I tassi di mortalità sono stati più alti tra gli 80/85 anni e oltre, raggiungendo oltre 10 000 morti segnalate per milione di persone in questa fascia di età nel Regno Unito (Inghilterra e Galles), Belgio e Irlanda.

I destinatari delle cure, compresi quelli residenti in strutture per lungodegenti, RSA, Case di riposo, ecc. (Long Term Care), hanno spesso sistemi immunitari compromessi o condizioni croniche che li pongono ad alto rischio di infezione – soprattutto, ma non solo, durante la crisi COVID-19.

Gli assistenti domiciliari e gli assistenti negli istituti sono anch’essi ad alto rischio di infezione e di contagio dalle persone anziane, dato il contatto diretto con loro, in genere carico di lavoro pesante, e che spesso lavorano in diverse strutture.

Anche i pazienti che vengono trasferiti nuovamente in case di cura possono diffondere il virus. In 13 paesi europei con dati disponibili, ci sono stati oltre 75.000 decessi residenti in istituti LTC (all’inizio di ottobre 2020). Il numero assoluto di morti segnalate era particolarmente elevato nel Regno Unito (25 466 decessi), in Spagna (20 649 decessi) e in Francia (14 955 decessi), tutti i paesi che hanno sofferto pesantemente di COVID-19.

I decessi tra i residenti negli istituti LTC erano equivalenti a oltre 5 000 decessi per milione di persone di età pari o superiore a 80 anni in Belgio, Regno Unito, Spagna, Irlanda e Svezia.

I decessi tra i residenti di LTC hanno raggiunto oltre la metà di tutti i decessi COVID-19 segnalati in Spagna, Belgio, Irlanda e Norvegia.

Autore: francobrugnola

Scrittore, mi occupo prevalentemente degli enti locali e di sanità, settori nei quali ho lavorato molti anni come dirigente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: